• Enel accende Professional Group
  • in collaborazione con Professional group
  • Samsung Hotel Display
  • > Catalogo

Lanciata nello spazio antenna progettata da otto studenti veneti

Lanciata nello spazio un’antenna progettata da otto studenti veneti

Dall’università allo spazio, Drex, un’antenna per le comunicazioni subspaziali realizzata da otto studenti veneti di ingegneria, lanciata il 18 ottobre da una base a 160 chilometri dal circolo polare artico.

I giovani inventori hanno partecipato al bando Rexux & Besus dell’Agenzia Spaziale Europea, un concorso che seleziona i migliori progetti aerospaziali sviluppati in ambito universitario.

Un sogno low cost - L’antenna “Deployable Reflector Experiment” lanciata ancora chiusa si è attivata nella stratosfera, a 45 chilometri di altezza. Il prototipo è stato costruito con un finanziamento di appena 40mila euro: il resto - spazi, macchinari e competenze - è stato messo a disposizione da sei aziende trevigiane.

Tutto è nato nel 2015 da un’idea di due studenti di ingegneria aerospaziale, Cristian Ambrosini e Stefano di Marco. Poco tempo dopo si sono aggiunti altri colleghi: Giorgio Tesser, Filippo Marconi, Loris Bogo, Alessandra Bellina, Vittorio Netti e Denis Soso.

Il test del 18 ottobre servirà a mettere alla prova le potenzialità del progetto. "Questa antenna ha diverse applicazioni, tra cui una tecnologia che consente di riportare la connessione Internet e la telecomunicazione nei luoghi dove è stata persa a causa di disastri naturali", hanno precisato i ragazzi.
L’invenzione è stata presentata agli ingegneri di Esa, che hanno selezionato le migliori candidature arrivate da tutta Europa. Dopo una prima scrematura, gli otto startupper si sono presentati davanti a una commissione di esperti internazionali riunita a Noordwjik, in Olanda. Nonostante la tensione, gli studenti sono riusciti a rispondere a venti minuti di domande sulle caratteristiche tecniche e meccaniche dell’antenna, senza trascurare i dettagli sulla ricerca dei fondi di finanziamento. Una fatica premiata dal via libera dell’Esa, che ha messo a disposizione una rampa di lancio per testare il prototipo.

Complimenti a Giorgio Tesser ed ai suoi colleghi ed al nostro Socio di Treviso: Luigino Tesser, che ha saputo incoraggiare e crede fortemente nel potenziale dei giovani!